Telefono: +39 335 6376321
E-mail: info@residencecampoverde.it

Prima volta ad Otranto? Ti diciamo cosa fare e cosa vedere

Otranto
Redazione Salento Dal Salento 12 Settembre 2016

C’è chi vuole conoscerla perché ne ha letto meraviglie e chi invece ne ha sentito decantare le bellezze da chi c’è stato.

Quel che è certo è che Otranto non delude coloro che decidono di visitarla perché è così ricca di attrattive, naturali o architettoniche, che nessuno può restare deluso, qualunque sia la propria passione.

Otranto si trova in provincia di Lecce ed è il comune più ad est d’Italia. Dalle origini antichissime, certamente risalenti al Neolitico, Otranto conserva resti e vestigia che affascinano i viaggiatori che amano scoprire le usanze del passato e le tradizioni.

Cosa fare ad Otranto

Una città ricca di storia com’è Otranto riesce a destare interesse e partecipazione in ogni periodo dell’anno. Le sagre sono manifestazioni che impegnano piacevolmente gli otrantini e occupano altrettanto gradevolmente gli ospiti, che così hanno modo di scoprire sapori e profumi di questa terra. Ce ne sono diverse, spesso abbinate a ricorrenze religiose come nel caso dei Sentieri del gusto, che allietano il piacere del palato in occasione della festa dei SS. Martiri.

L’ospitalità della cittadina pugliese si dimostra anche nell’organizzare eventi che hanno il preciso scopo di far trascorrere le giornate dei suoi ospiti in modo istruttivo e, al tempo stesso, rilassante. È il caso del Niurumaru Festival che abbina la location a dir poco splendida col godimento della degustazione del buon vino locale.

Cosa vedere ad Otranto

Difficile essere sintetici nel descrivere cosa c’è da vedere ad Otranto e dintorni. Si potrebbe iniziare con un’attrazione quasi unica e sicuramente sbalorditiva: il laghetto di bauxite, ex cava abbandonata che adesso ospita un laghetto circondato da colori fantastici, il rosso delle rocce e il verde brillante della vegetazione, dovuti alla residua presenza di minerale.

La natura in questi luoghi è sempre uno spettacolo, ma non mancano le meraviglie architettoniche come le cattedrali, le masserie, il Castello Aragonese o le torri costiere del XVI secolo che punteggiano la costa.

Interessanti i siti archeologici della zona; le grotte conservano resti pittorici di inestimabile valore e l’ipogeo di Torre Pinta riporta al passato, in un meraviglioso presente.